testo in italiano

PRESS RELEASE

Chilometro 0
curated by Porter Ducrist

Christophe Constantin, Marco De Rosa, Federica Di Pietrantonio,
Chiara Fantaccione, Roberta Folliero, Andrea Frosolini

Opening reception: June 27, 2019, 6.00 pm
28.06.2019 – 26.07.2019
The Gallery Apart, Via Francesco Negri 43, Rome

The Gallery Apart is proud to present Chilometro 0 (Zero Mile), a group show that brings together the works by the artists known as In Situ, a sort of artistic living organism who in Tor Bella Monaca, one of Rome’s most difficult neighbourhoods,  have founded 11 artist’s studios and an artist run space. A programme that features young international artists in the exhibition space and the sharing of the everyday art practice in the studio characterize this experience that intrigues and engages the city.  It is the responsibility of the gallery to point out such vitality in order to enable the artist to express in total freedom their poetics predicated on the intimate link between the artistic expression and existential condition, as well as on the calling into question of the roles of the various stakeholders involved in the art world: from the curator to the artist, from the spectator to the gallery owner. The exhibition is curated by Porter Ducrist, enigmatic and elusive embedded curator. Below is his presentation.

“We live in an image-based society, where representation is more important than the essence. In such confusion between signifier and signified, discerning between illusion and reality becomes nearly impossible. As we all are aware that everything is fiction, what is the role of art in our world? We can hide ourselves behind the moralism which makes art more like a parlor game than an ideological message or a quest of “the fair”. What is art? In such clichéd question, we can already grasp an answer. Art is art, why investigate? It is a certainty that does not need to be called into question! A status quo which is suitable to everyone but which does not lead anywhere, which does not see any future because it doesn’t look for it. If the art starts again from its genesis, it may continue to develop, and thus still be worthy of interest.

Let’s start from the absurd idea that art tries not to be interesting any longer. That the object exposed to the public is freed from any claim, message or added value. “What you see is what you see”, was the challenge launched by Frank Stella and which was taken up also by Donald Judd. The art that educes the reality to represent it as best as possible, starting from scratch through the concreteness of the trivial. Looking for nothing but to start anew, but this time on more solid foundations in order to go on after a too long, minimalist vegetative state. This starting point, this “Chilometro 0” would seem impossible because the importance of the history of art cannot, and should not, be denied, although it represents the only way through which the artist can continue to do what they have always had to do: urging the spectators to reflect by representing their current historical period.

As modern society seems a totalitarian system dominated by the spectacular, it is difficult for the artists to identify themselves as creators of images, since technology has deprived them of their monopoly. If everything is art, then nothing is art. A line of inquiry, a source of inspiration can stem from nothing, we can restart from nothing and it is from nothing that “Chilometro 0” attempts to urge the spectators to reflect. They find themselves immersed in a context where their role is as pivotal as that of the other stakeholders in the “Art” system, from the gallery owner to the curator, each of them called upon to take on new challenges and to represent themselves. Each artwork attempts to give shape to the specific task of each of these protagonists, to an extent that the artist is nearly relegated to the background in order to highlight what surrounds them. The real in art is definitely as detached and disconnected from the real as it is from many other things, but it is not less real than other realities. It is maybe from this statement apparently without rhyme or reason that “Chilometro 0” and the artists exhibited in the exhibition seek to represent the modern society, transforming the gallery into a window on reality.”

 

ABOUT THE EXHIBITION

EXHIBITION: Chilometro 0, curated by Porter Ducrist
Christophe Constantin, Marco De Rosa, Federica Di Pietrantonio, Roberta Folliero, Andrea Frosolini

VENUE
: The Gallery Apart – Via Francesco Negri, 43, Roma
OPENING RECEPTION
: 27/06/2019
DURATION OF THE EXHIBITION:
28/06/2019 – 26/07/2019
OPENING HOURS
: from Tuesday to Friday, 3.00 pm – 7 pm, and by appointment
INFO.
: The Gallery Apart – tel/fax 0668809863 – info@thegalleryapart.it – www.thegalleryapart.it

 

Christophe Constantin was born in Switzerland in 1987. In 2016 he moved to Rome where he specialized in sculpture. In the same year he founded Spazio In Situ where he held the role of Artistic Director. His work has appeared in various group shows in Italy, France and Germany. his main solo shows were "Boh?!!" exhibited in Rome (Italy) and "A Travers La Toile Blanche" in Martigny (Switzerland). From painting to installation, and from photography to sculpture, his art practice is an ongoing reflection on art and on its role in the society, tending not to decontextualize the object in the exhibition space but to recontextualize the spectators within their reality.

 

Marco De Rosa was born in 1991 in Rome (Italy), where he works and lives. In 2016, he achieved his master’s degree in sculpture. In the same year he founded Spazio In Situ. He has taken part in many group shows in Italy and France, including the Mulhouse Biennale. In 2017 he exhibited "Work in Progress", his most famous solo show. His artistic research is focused on the concept of space and reality though the objects that he contextualizes in the exhibition spaces. His artworks are often the result of an act from everyday life, which once placed in an artistic context highlights great incongruities.

 

Federica Di Pietrantonio / Federicadipiet was born in 1996 in Rome (Italy), where she works. In 2019 she achieved her master’s degree in painting. In 2017 she was selected for the Mediterranea 18 Young Artists Biennale, and the following year she took part in the V_AIR 2018 artist in residence and she joined Spazio In Situ. After a short stay in Gent, she presented her most important solo show "Vacation spot in Gent". Her artistic research is focused on the concepts of virtual reality and real life, often referring to the iconographic system of the art world. She experiments with different media, from painting to installation art, from virtual reality to web design.

 

Chiara Fantaccione was born in Terni (Italy) in 1991. In 2018 she achieved her master’s degree in graphic art. In 2017 she joined Spazio In Situ. Her works has been featured in various group shows in Italy, such as "Assurdità Contemporanea" and "Out of Space". In 2019 she was selected for the artist in residence programme Gemellarte. Her artistic research investigates the boundary between reality and representation. She uses the digital tools to underline the importance of the image in the modern society as well as the ongoing effects that it has on the individual.

 

Roberta Folliero was born in Rome (Italy) in 1993. In 2018 she achieved her master’s degree in graphic art. She is one of the founders of Spazio In Situ. She has taken part in many group shows in Italy, such as "Assurdità Contemporanea" at the Temple University Gallery in Roma, and "Deported". In 2017 she presented "Hand Made", her most famous solo show. Through her art, the artist offers her melancholic vision of the modern society. She experiments with everyday object thus revealing a universal intimacy.

 

Andrea Frosolini was born in 1993 in Rome (Italy), where he currently works. In 2017 he achieved his master’s degree in painting. In 2016, he founded Spazio In Situ along with other six young artists. His work has been featured in various groups shows in Italy and Belgium, such as "Vacation Spot in Gent". His most important solo show is "ECO" (2017). His current artistic research is focused on the loss of personality in individuals in the modern society. A straightforward, though ironic, criticism of the massification of human personality in the age of the commodified thought.



testo in italiano

Chilometro 0
a cura di Porter Ducrist

Christophe Constantin, Marco De Rosa, Federica Di Pietrantonio,
Chiara Fantaccione, Roberta Folliero, Andrea Frosolini

Inaugurazione: 27 giugno 2019, h.18.00
28.06.2019 – 26.07.2019
The Gallery Apart, Via Francesco Negri 43, Roma

The Gallery Apart è orgogliosa di presentare Chilometro 0, mostra collettiva che propone il lavoro di alcuni degli artisti riuniti sotto il nome In Situ, sorta di organismo artistico vivente che a Tor Bella Monaca, una tra le più problematiche periferie romane, ha creato una realtà composta da 11 studi d’artista e un artist run space. Una programmazione di giovani artisti internazionali nello spazio espositivo e la condivisione quotidiana della pratica artistica in studio caratterizzano questa esperienza che intriga ed interroga la città. Ed è compito della galleria segnalare questa vitalità consentendo agli artisti di declinare in piena libertà la loro poetica fondata sullo stretto legame tra espressione artistica e condizione esistenziale, nonché sulla messa in discussione dei ruoli dei diversi soggetti in gioco nel campo artistico: dal curatore all’artista, dallo spettatore al gallerista. La mostra è curata da Porter Ducrist, enigmatico e sfuggente curatore embedded, di cui è di seguito riportato il testo di presentazione:

“Viviamo in una società basata sull’immagine, dove la rappresentazione è più importante dell’essenza. In questa confusione tra significato e significante è quasi impossibile distinguere il reale dall’illusione. Visto che siamo tutti consapevoli che tutto è finzione, qual è il ruolo dell’arte in questo mondo? Ci possiamo nascondere dietro un moralismo che rende l’arte più un gioco di società che un messaggio ideologico o una ricerca del “giusto”. Cos’è l’arte? Nella banalità di questa domanda si può già intuire una risposta. L’arte è arte, perché indagare? È una certezza che non necessita di essere rimessa in discussione! Uno status quo che conviene a tutti, ma che non porta da nessuna parte, non vede un futuro perché non lo cerca. Forse è ripartendo dalla sua genesi che l’arte può continuare a svilupparsi, e quindi continuare a essere degna d’interesse.

Partiamo dall’idea assurda che l’arte tenti di non esserlo più. Che l’oggetto esposto al pubblico venga liberato da qualsiasi pretesa, messaggio o valore aggiunto. “Quello che vedi è quello che è”, la sfida di Frank Stella ripresa da Donald Judd. L’arte che estrae la realtà per rappresentarla al meglio, rimettendosi in gioco tramite la concretezza del banale. Non cercando nient’altro che un punto di inizio per ricostruirsi e ripartire, ma questa volta su basi più sane per cercare almeno di continuare ad andare avanti dopo uno stato di vegetazione minimalista ormai durato troppo tempo. Questo punto di inizio, questo “Chilometro 0” sembrerebbe impossibile perché non si può negare l’importanza della storia dell’arte e non lo si deve fare, ma rappresenta l’unico modo con cui l’artista può continuare a fare quello che ha sempre dovuto fare, interrogare lo spettatore rappresentando il proprio periodo storico.

Considerando la società odierna un sistema totalitario dominato dallo spettacolo, diventa difficile per un artista continuare a indentificarsi come creatore d’immagini, la tecnologia avendolo privato del suo monopolio. Se tutto è arte, niente lo è più. Dal niente si può trovare una bella pista di indagine, una fonte d’ispirazione, dal niente si può ripartire ed è dal niente che “Chilometro 0” cerca di interrogare lo spettatore. Quest’ultimo si trova immerso in un contesto in cui il suo ruolo è centrale quanto lo è quello degli altri attori del sistema “Arte”, dal gallerista al curatore, ognuno obbligato a rimettersi in gioco e a rappresentarsi. Ogni opera esposta cerca di dare forma in maniera concreta al compito specifico di ciascuno di questi protagonisti, al punto da collocare l’artista quasi in secondo piano così da mettere piuttosto maggiormente in luce quello che lo circonda. Il reale nell’arte è sicuramente tanto staccato dal reale quanto da tante altre cose, ma non lo rende comunque meno reale di altre realtà. È forse da questa frase senza capo né coda che “Chilometro 0” e gli artisti presentati in mostra cercano di rappresentare la società contemporanea, trasformando la galleria in una finestra aperta sul reale.”

 

SCHEDA INFORMATIVA

MOSTRA: Chilometro 0, a cura di Porter Ducrist
Christophe Constantin, Marco De Rosa, Federica Di Pietrantonio, Roberta Folliero, Andrea Frosolini

LUOGO
: The Gallery Apart – Via Francesco Negri, 43, Roma
INAUGURAZIONE: 27/06/2019
DURATA MOSTRA:
28/06/2019 – 26/07/2019
ORARI MOSTRA
: dal martedì al venerdì 15,00 - 19,00 e su appuntamento
INFORMAZIONI
: The Gallery Apart – tel/fax 0668809863 – info@thegalleryapart.it – www.thegalleryapart.it

 

Christophe Constantin nasce a Montreux in Svizzera nel 1987. Si trasferisce a Roma nel 2016 dove si specializza in scultura. Lo stesso anno, fonda Spazio In Situ in cui tiene il ruolo direttore artistico. Durante questi ultimi anni, espone in varie collettive in Italia, Francia e Germania. Le sue principali personali sono "Boh?!!" a Roma e "A Travers La Toile Blanche" a Martigny in Svizzera. Saltando dalla pittura all'istallazione, dalla fotografia alla scultura, la sua pratica è una perpetua interrogazione sull'arte e sul suo ruolo nella società, tendendo non a decontestualizzare l'oggetto nello spazio espositivo ma a ricontestuallizare lo spettatore nella sua realtà.

 

Marco De Rosa nasce nel 1991 a Roma, dove vive e lavora. Nel 2016 consegue la laurea di secondo livello in scultura, lo stesso anno fonda Spazio In Situ. Partecipa a varie collettive in Italia e Francia di cui la Biennale di Mulhouse. Nel 2017 presenta "Work in Progress" la sua personale più nota. L'artista interroga il limite tra arte e reale attraverso gli oggetti che contestualizza negli spazi espostivi. Le sue opere sono spesso il risultato di un gesto tratto dalla sua quotidianità che una volta integrato in un ambito artistico rileva una grande incongruità.

 

Federica Di Pietrantonio / Federicadipiet nasce nel 1996 a Roma, dove lavora. Nel 2019 si laurea in pittura. Nel 2017 viene selezionata per prendere parte alla Biennale dei Giovani Artisti del Mediterraneo 18, l’anno seguente partecipa alla residenza d’artista V_AIR ed entra a far parte di Spazio In Situ. Dopo una trasferta a Gent presenta la sua personale più nota "Vacation spot in Gent". La sua ricerca artistica si concentra sul confine tra la realtà ed il virtuale, riferendosi spesso al sistema iconografico del mondo dell’arte. Spazia tra diversi medium, dalla pittura all’installazione, dalla realtà virtuale al web design.

 

Chiara Fantaccione nasce a Terni nel 1991. Si specializza in grafica d'arte nel 2018. Nel 2017 entra a far parte di Spazio In Situ. Partecipa a varie collettive in Italia di cui "Assurdità Contemporanea" e "Out of Space". Nel 2019 è selezionata per la residenza Gemellarte. La sua ricerca sottolinea il confine tra realtà e rappresentazione. Usando il digitale sottolinea l'importanza presa dall'immagine nella società odierna e gli effetti costanti che questa impone all'individuo.

 

Roberta Folliero nasce a Roma nel 1993. Si specializza in grafica d'arte nel 2018. E tra i fondatori di Spazio In Situ. Partecipa a varie collettive in Italia, tra cui "Assurdità Contemporanea" alla Temple University Gallery di Roma e "Deported". Nel 2017 presenta "Hand Made" la sua personale più nota. L'artista ci offre la sua visione della società contemporanea colma di melanconia. Lavorando tramite oggetti quotidiani rivela un’intimità universale.

 

Andrea Frosolini nasce a Roma nel 1993, dove attualmente lavora. Si specializza in pittura nel 2017. Inaugura nel 2016, Spazio In Situ insieme ad altri sei giovani artisti. Espone in varie collettive in Italia e Belgio come "Vacation Spot in Gent". La sua personale più nota è "ECO" nel 2017. L’attuale ricerca artistica di Frosolini verte principalmente sulla perdita di personalità dell’uomo nella società contemporanea. Una critica schietta ma ironica sulla massificazione della personalità umana nell’era del pensiero mercificato.